Come tutti sanno Il Consiglio dell’Unione Europa ha preso delle misure restrittive a seguito dell’azione militare Russa nei confronti dell’Ucraina.

Per quanto riguarda i trasporti Russia è possibile sapere l’elenco dei prodotti e tecnologie sanzionate in esportazione e importazione consultando il link russo qui di seguito riportato:

https://www.alta.ru/tnved/forbidden_codes/

Oltre a sanzionare le merci, il Consiglio dell’Unione Europea ha vietato l’entrata dei camion targati russi e bielorussi sul territorio dell’Unione Europa.

La Bielorussia ha vietato il transito dei camion immatricolati nei paesi della Comunità Europea sul territorio bielorusso, mentre la Russia permette ancora a tutti i camion immatricolati nei paesi della comunità europea di entrare nel territorio Russo solo se si entra attraverso un paese dell’UE confinante con la Russia, in questo caso è quindi possibile transitare e scaricare in Russia.

Come avvengono i trasporti al giorno d’oggi?

Ci sono tre possibilità di trasporto per i camion immatricolati nella Comunità Europea e che caricano sul territorio Eu con destinazione in Russia.

Non in tutti i casi il trattore e il semirimorchio immatricolati nella comunità europea possono raggiungere la destinazione Russa.

Qui di seguito i tre schemi di trasporto:

  1. la merce caricata in Eu viene trasbordata nel terminal in Bielorussia costruito appositamente vicino al confine. Presso questo terminal la merce viene trasbordata su un camion targato russo o bielorusso. In questo caso quando vengono cambiate le targhe sul CMR.
  2. La merce transita attraverso un paese europeo confinante con la Russia: Lettonia, Estonia, Finlandia, in questo caso il camion con targa dell’EU arriva in Russia.
  3. La merce transita attraverso Lituania o Polonia e cambia il trattore in Bielorussia sul territorio bielorusso utilizzando un trattore di nazionalità russo o bielorusso in questo caso solo il rimorchio rimane di immatricolazione europea e la merce non subisce nessun trasbordo. Viene cambiata la targa del trattore sul CMR.

Ovviamente questi schemi di trasporto hanno notevolmente allungato i tempi di consegna della merce visto che sia nei terminal che ai confini ci sono lunghe attese prima di poter transitare.

Questo schema di spedizione dovrebbe durare fino alla fine di Settembre 2022, dal 1Ottobre 2022 si aspettano ulteriori provvedimenti da parte del governo Russo che potrebbero cambiare la logistica delle spedizioni verso la Russia.

Per quanto riguarda i trasporti verso Ucraina ci sono stati dei cambiamenti. Il Ministero delle Infrastrutture e delle Mobilità Sostenibili considerando lo stato di emergenza dei trasportatori ucraini, ha deciso che i trasportatori ucraini possono circolare liberamente nel territorio italiano senza necessità di permesso bilaterale. Questa esenzione è entrata in vigore i 29 marzo 2022 fino a 30 luglio 2022, ed è stata poi prolungata.

È perciò possibile effettuare trasporti da e per l’Ucraina regolarmente, chiaramente è necessario utilizzare vettori seri.

Nel caso dei trasporti dall’Italia verso paesi della Comunità Europea, o tra paesi comunitari un vettore ucraino può eseguire tre trasporti con permesso CEMT, la quarta volta deve uscire dalla EU.

Spedizioni

Trasportatori

Clienti

Paesi serviti